Lingua:

Dove Siamo

L'agriturismo è in posizione strategica per visitare le più importanti città d'arte di Toscana e Umbria.

Dal nord:
uscire a Valdichiana e dirigersi verso Castiglione del Lago. Dopo circa 5 Km. si trova il bivio per Paciano.

Dal centro-sud:
uscire a Chiusi-Chianciano, quindi proseguire verso Chiusi e poi Castiglione del Lago. Dopo aver superato la località Moiano, a circa 1 Km. si incontra la deviazione per Paciano.

Paciano è un delizioso paese circondato da una ricca vegetazione, situato sulle pendici del Monte Petrarvella a 391 metri s.l.m.. È immerso nel verde delle colline Umbre, in posizione panoramica sul Lago Trasimeno distante 6 Km.

Paciano ancora oggi conserva intatta la sua struttura medioevale: la cinta muraria (lunga oltre mezzo chilometro), 7 torri, 3 porte ogivali di accesso e l’abitato centrale disposto a scacchiera su cui si aprono tre strade parallele attraversate dai vicoli caratteristici.

Le tre antiche porte hanno il nome di Porta Perugina, Porta Fiorentina e Porta Rastrella il cui nome potrebbe discendere dal “Rastrello” araldico sopra la stessa porta.

Poco lontano si possono ammirare, oltre al Lago Trasimeno, i laghi di Chiusi e di Montepulciano ed una parte della Val di Chiana.

Prima di varcare le mura castellane, incontriamo l’antica chiesa di San Sebastiano (X sec.), dove sono custoditi i resti di un affresco raffigurante San Sebastiano.

Percorrendo quella che era la via Aureliana si giunge alla chiesa romanica di Santa Maria Peretula (oggi Santa Maria Assunta) con pitture di Guglielmo Ascanio. Proseguendo si varca la Porta Fiorentina che ci introduce nel centro storico e, dopo aver percorso Via Marconi, si giunge a Palazzo Baldeschi sede del Museo Naturalistico.

Nella piazza del Municipio si trova la Confraternita del S.S. Sacramento, dove sono custodite due tavole del ’400 ed un affresco del 1452.

Riscendendo si giunge alla chiesa di San Giuseppe, la prima ad essere costruita all’interno delle mura (detta per questo “La Chiesa Dentro”), dove è custodito il “Gonfalone del Bonfigli”, presunta opera di Fiorenzo di Lorenzo. Nei pressi, la chiesa di San Carlo Borromeo.

Raggiungendo Porta Rastrella, ci si trova di fronte Palazzo Cennini, costruzione rinascimentale caratterizzata da imponenti logge che si affacciano su bei giardini, e sale interne finemente decorate.

Altra chiesa che merita di essere citata è quella della Madonna della Stella (1562), con all’interno affreschi di Silla Piccinino.

Da Porta Perugina, in cima alla salita, troviamo un bel portale del ’770 detto della “Madonnuccia”. Nei pressi la maestosa Torre di Orlando, con torre merlata, che rappresenta l’unica testimonianza dei castelli perugini antichi ed importanti. Accanto alla Torre sorge il Convento di Sant’ Antonio, edificato nel 1490 dai Francescani; più a valle la chiesa di San Salvatore, detta anche del “Ceraseto”.

Copyright © 2014 Agriturismo I Frati. Vietata la riproduzione, anche parziale dei contenuti P.Iva: 00171190549 |Privacy Policy